Elenco notizie

  • Rifiuti
  • ---Rifiuti speciali
  • ---Rifiuti urbani



Con determinazione del Direttore del Servizio tutela dell’atmosfera e del territorio n. 885 del 28 novembre 2017, successivamente rettificata dalla determinazione n. 928 dell’11 dicembre 2017, è stata stabilita la percentuale di raccolta differenziata e la produzione pro capite di rifiuti di ciascun Comune secondo l’atto di indirizzo allegato alla D.G.R. n. 23/8 del 9.5.2017.


A partire dal corrente anno il SIRA Sardegna, con il Modulo dell’Osservatorio dei rifiuti urbani, rappresenta lo strumento obbligatorio per la presentazione della dichiarazione dei rifiuti urbani da parte dei comuni e delle associazioni di comuni dell’intero territorio regionale. Il modulo è stato realizzato dall’Assessorato della difesa dell’Ambiente con la fattiva collaborazione dell’ARPAS, per far fronte a criticità collegate alle tempistiche di acquisizione e validazione dati e alla qualità dei dati. E’ stata realizzata un’intensa attività di sperimentazione e presentazione, a partire dal 2015, verso tutti gli enti coinvolti. tra Regione Sardegna e Consorzio nazionale imballaggi per aumentare i livelli qualitativi e quantitativi della raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio – in acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro.


La Giunta regionale con la deliberazione n. 12/32 del 07.03.2017 ha disposto la pubblicazione dei dati utili a definire lo stato di attuazione dei piani regionali di gestione dei rifiuti e dei programmi, secondo quanto previsto dall’articolo 199 del D. Lgs. n. 152 del 3.4.2006, così come modificato dalla legge n. 221 del 28.12.2015. I dati relativi al 2015 sono stati raccolti ed elaborati dal Catasto rifiuti incardinato presso l’ARPAS e dal competente Servizio dell’Assessorato della Difesa dell’Ambiente.


La Giunta regionale, nella seduta del 09 maggio, ha approvato l’Atto di indirizzo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani e assimilati in Sardegna, in recepimento del D.M. Ambiente 26 Maggio 2016.


La Regione Sardegna e il CIC, il Consorzio italiano compostatori, hanno sottoscritto il rinnovo triennale dell'Accordo di programma per promuovere in Sardegna la raccolta differenziata e il trattamento dei rifiuti organici compostabili nonché l’utilizzo degli ammendanti compostati.