Rete regionale per la conservazione della fauna marina

 

La Regione, ai sensi della Legge 157/1992 e della Legge Regionale 23/1998, “persegue lo scopo di assicurare la conservazione della fauna selvatica e del suo habitat, con particolare riguardo alle specie minacciate, vulnerabili e rare, nonché alle specie e sottospecie endemiche” in attuazione della Convenzione di Washington (C.I.T.E.S.).

Per tale motivo è stata istituita, formalmente nel 2009, la “Rete regionale per la conservazione della fauna marina”.

L’attività principale della Rete regionale è il recupero ed il soccorso in mare delle tartarughe marine, dalla assidua Caretta Caretta (Tartaruga comune) a quelle più rare (Chelonia mydas - Tartaruga verde e Dermochelys coriacea - Tartaruga liuto) e dei mammiferi marini (delfini, tursiopi, stenelle).

L’importante numero di recuperi di animali in difficoltà e le segnalazioni di eventi di nidificazione di Tartaruga comune (Caretta caretta) degli ultimi anni è rappresentativo del fatto che la popolazione è informata e sensibilizzata, le segnalazioni ai Corpi di vigilanza (1515 e 1530) in caso di rinvenimento partono puntuali garantendo l’immediata attivazione della macchina regionale secondo i protocolli definiti e sperimentati dalla Rete.

Ultime notizie

Vai a tutte le notizie »


A quasi un mese dalla liberazione dei quattro esemplari di Caretta caretta, avvenuta il 9 ottobre dalla spiaggia di San Giovanni di Sinis, i tracciatori satellitari posizionati sul loro carapace continuano ad inviare informazioni sui loro spostamenti e sul comportamento di immersione. Tutti e quattro gli esemplari hanno percorso molti chilometri, muovendosi in direzioni differenti tra loro e, a volte, cambiando nettamente rotta e ritornando sui loro passi.
È possibile conoscere la posizione delle tartarughe Genoveffa e Gavino rilasciate in mare il 9 ottobre dopo più di 30 anni in cattività e monitorate, grazie ai dispositivi satellitari, dal Centro di Recupero del Sinis, nell’ambito delle attività della Rete regionale per la fauna marina: verrà presto implementata una sezione del sito in cui seguire gli spostamenti.

Si informa che a causa delle dimensioni delle immagini si potrebbero verificare rallentamenti nel caricamento della galleria fotografica