BLUEISLANDS – Season Variation of Waste as Effect of Tourism

 

La Regione Sardegna, rappresentata dal Servizio Politiche Attive dell’Assessorato al Lavoro, partecipa alla realizzazione del progetto europeo BLUEISLANDS – SEASON VARIATION OF WASTE AS EFFECT OF TOURISM finanziato nell’ambito del Programma di Cooperazione Transnazionale Interreg MED 2014-2020.

Il progetto ha lo scopo di affrontare la variazione stagionale della produzione di rifiuti nelle isole del Mediterraneo a causa dei flussi turistici del periodo estivo. Mira a sviluppare ed elaborare mezzi efficaci, finanziariamente sostenibili ed ecologicamente responsabili, implementando studi, ricerche e strategie attraverso l’azione cooperativa di 14 partners coinvolti.

I flussi turistici nella stagione estiva, nelle isole del Mediterraneo, comportano un grande movimento della popolazione verso le mete balneari. Questo fenomeno, che è vantaggioso per le economie locali, pone un enorme problema di gestione dei rifiuti che, in corrispondenza dei mesi con i flussi turistici più alti, aumentano in maniera esponenziale, obbligando le infrastrutture locali a sopportare un grande onere per la gestione dei rifiuti.

Il progetto BLUEISLANDS ha lo scopo di identificare, indirizzare e mitigare l'effetto della variazione stagionale dei rifiuti generati sulle isole del Mediterraneo come un effetto del turismo. Migliorando la conoscenza dei flussi di rifiuti, creando linee guida comuni e migliorando le sinergie tra le comunità delle isole MED, il progetto BLUEISLANDS ha lo scopo di promuovere modelli di turismo sostenibile e alimentare circuiti locali di economia circolare.

Cosa facciamo

Il progetto BLUEISLANDS valuta le dinamiche dei rifiuti marini, con un'attenzione particolare ai micro e macroplastici, nelle zone costiere altamente turistiche delle seguenti isole del Mediterraneo: Mallorca, Sardegna, Sicilia, Malta, Rab, Creta, Mykonos, Rodi e Cipro.

Ciò avviene attraverso uno studio sulla qualità delle acque marine costiere condotto in tre aree e in tre diversi momenti: prima, durante e alla fine della stagione turistica. Inoltre verrà misurata la quantità e la composizione dei rifiuti generati in un periodo di dodici mesi su nove isole MED e la correlazione tra i rifiuti quantificati generati e il numero dei turisti e la presenza di rifiuti nell'ambiente costiero saranno esaminati. Allo stesso tempo, verrà valutata la struttura esistente di gestione dei rifiuti e saranno seguite le rispettive pratiche. Alla fine del progetto, verranno realizzate delle linee guida per supportare l’implementazione di piani di gestione delle variazioni stagionali dei rifiuti, coordinando i partner istituzionali e coinvolgendo il settore Ho.Re.Ca e altri operatori di trattamento rifiuti/acque reflue/acque.

Tutti i dati e le esperienze raccolte, saranno inseriti in un rapporto finale nel quale saranno inserite anche le migliori pratiche per trasformare un problema difficile, ed oneroso per le comunità delle isole MED, in un mezzo che alimenta la creazione di economie circolari, preservando e perpetuando il turismo sostenibile nel Mediterraneo.

I partner

La partnership del progetto comprende 9 isole del Mediterraneo, 2 operatori economici, 2 istituti di ricerca e 1 associazione interregionale specializzata nella gestione delle risorse. Capofila del progetto è il Ministero dell’agricoltura dello sviluppo rurale e dell’ambiente di Cipro.

Ultime notizie

Vai a tutte le notizie »


La Regione Sardegna, rappresentata dal Servizio Politiche Attive dell’Assessorato al Lavoro in qualità di partner del progetto BLUEISLANDS, ha partecipato il 7 maggio 2019 a Bruxelles alla conferenza finale del progetto dal titolo “Waste management in tourism. Why does it matter.” organizzato da Acr + per la presentazione dei risultati di progetto e la firma della Charter of Commitments for Sustainable Material Resources Management and Circular Economy.