Valutazione Ambientale Strategica

 

"La valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull’ambiente naturale” è stata introdotta nella Comunità europea dalla Direttiva 2001/42/CE, detta Direttiva VAS, entrata in vigore il 21 luglio 2001, che rappresenta un importante contributo all’attuazione delle strategie comunitarie per lo sviluppo sostenibile rendendo operativa l’integrazione della dimensione ambientale nei processi decisionali strategici.

A livello nazionale la Direttiva 2001/42/CE è stata recepita con la parte seconda del D.lgs. 3 aprile 2006, n. 152 entrata in vigore il 31 luglio 2007, modificata e integrata dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4 entrato in vigore il 13/02/2008 e dal D. Lgs. 29 giugno 2010, n. 128 pubblicato nella Gazz. Uff. 11 agosto 2010, n. 186.

L’autorità procedente, rappresentata dalla pubblica amministrazione che elabora il piano/programma, ovvero, nel caso in cui il soggetto che predispone il piano/programma sia un diverso soggetto pubblico o privato, dalla pubblica amministrazione che recepisce, adotta o approva il piano o programma, contestualmente all’avvio del processo di formazione del piano/programma, avvia la valutazione ambientale strategica che comprende:

  •    l’elaborazione del rapporto ambientale;
  •    lo svolgimento di consultazioni;
  •    la valutazione del rapporto ambientale e degli esiti delle consultazioni;
  •    la decisione;
  •    l’informazione della decisione;
  •    il monitoraggio.

Le modalità di svolgimento, i contenuti e i soggetti coinvolti per ciascuna delle fasi sopra indicate sono stabilite dalla parte II del D. Lgs. 152/2006 e s.m.i. r dalla D.G.R. 34/33 del 07.08.2012

Ultime notizie

Vai a tutte le notizie »


Il Direttore del Servizio valutazioni impatti e incidenze ambientali (SVIA) della Direzione generale della difesa dell’Ambiente, comunica che è indetta una procedura selettiva mediante comparazione di titoli ed esperienze curricolari, finalizzata alla stipula di 3 contratti di lavoro autonomo professionale per i seguenti profili: - profilo A: 2 consulenti in materia naturalistica e biologica esperti in materia di valutazioni ambientali; - profilo B: 1 consulente geologo esperto in materia di valutazioni ambientali.
In conformità a quanto stabilito dall'art. 6 del D.lgs. 152/2006 (e s.m.i.) il Piano Regionale dei Trasporti è soggetto alla procedura di Valutazione Ambientale Strategica. A tal fine, ai sensi di quanto previsto dall'art. 10 dell’allegato C alla D.G.R. n. 34/33 del 07 agosto 2012, il Servizio per le infrastrutture, la pianificazione strategica e gli investimenti nei trasporti dell’Assessorato regionale dei trasporti, in qualità di autorità procedente, ha avviato la procedura di VAS.
il servizio sostenibilità ambientale, valutazione strategica e sistemi informativi (svasi) dell’assessorato della difesa dell’ambiente informa che il comune di sorradile ha avviato il procedimento di verifica di assoggettabilità a VAS relativamente all’aggiornamento del Piano di Gestione della ZSC ITB031104 “Media Valle del Tirso e Altopiano di Abbasanta – Rio Siddu”.
Il Servizio sostenibilità ambientale, valutazione strategica e sistemi informativi dell’Assessorato della Difesa dell’Ambiente informa che con Determinazione n. 861/22179 del 03.11.2020 l’aggiornamento del Piano regionale di gestione dei rifiuti – Sezione rifiuti speciali - è stato escluso dalla procedura di Valutazione Ambientale Strategica.
Si rende noto che in data 08 ottobre 2020 è stata avviata la fase di consultazione pubblica del Piano di Gestione della ZPS ITB013018 “Capo Figari, Cala Sabina, Punta Canigione e Isola Figarolo”, prevista nell’ambito del rispettivo processo di VAS.